22 agosto 2018

La ricomparsa dell'olivo in Croazia

La coltivazione dell’olivo s'era diffusa fin dall'antichità lungo le due sponde del mare Adriatico. Sulla costa orientale comprendeva tutte le isole maggiori e tante tra quelle più piccole.
olivo istria
I nuovi scassi agricoli e la messa a dimora di piante d'olivo interessano
anche la penisola istriana. Qui un terreno all'interno di Rovigno, nella
cosiddetta "Istria rossa".
Dopo la lunga parentesi del Maresciallo Tito, le cui scelte economiche erano tutte volte all'industrializzazione del paese, oggi ogni anno continuano a sorgere nuovi oliveti e gli oli migliori di solito provengono dai piccoli oliveti.
Inoltre, alcune abitudini ed usi locali, come il lavaggio delle olive nell'acqua di mare, fanno dell’olio d’oliva croato un qualcosa di ancora più tipicizzato.
olivi croati
La varietà buža (scura) e oblica (verde) sono quelle più frequenti e diffuse lungo la costa e sulle isole croate, dove è consuetudine mischiare le diverse specie di olive. Ma nelle ultime stagioni gli olivicoltori locali hanno iniziato ad offrire anche oli d’oliva di una singola precisa qualità, e a sottolineare in modo particolare l’offerta di specie autoctone da cui si producono oli a km zero.

Nessun commento:

Posta un commento