19 aprile 2018

Matavilz, la valerianella che si coltiva negli orti del Carso triestino

Più resistente al freddo del nostrano radiceto de primo taio ma altrettanto tenera, è destinata alle insalate invernali.
matavilz songino
Eccola qui, in colorata compagnia con i cipollotti di Tropea e i ravanelli.
E infatti va d'accordo con uova sode, patate lesse, fagioli, cavolo cappuccio...
Questa cicoria é imparentata con la Valeriana Officinalis, che è utilizzata come blando sedativo ed oggi si trova in tutti i supermercati sotto il nome di "songino" ed è particolarmente adatta alle persone delicate di stomaco.
Per parte mia la "assumo" per altre ragioni: saporita, croccante e delicata.

Nessun commento:

Posta un commento